Get Adobe Flash player

Senza categoria

“One Day Vita tra i campi, quotidianità della comunità indiana Sikh di Maccarese”.

untitled

Appuntamento con la fotografia lunedì 29 marzo alle ore 18.00 per la presentazione del Reportage Fotografico “One Day. Vita tra i campi, quotidianità della comunità indiana Sikh di Maccarese”. 

Un progetto dell’Associazione TeRRRe, con la collaborazione della Biblioteca Pallottarealizzato dalla Giornalista e Fotoreporter Valentina Fiordalice che attraverso un viaggio fotografico di 34 fotografie in bianco e nero, racconta la quotidianità della popolazione indiana Sikh di Maccarese.

L’obiettivo è stato quello di entrare nelle pieghe della realtà locale cogliendo i diversi momenti del lavoro quotidiano tra i campi, le soddisfazioni, i sogni, i desideri delle persone del gruppo che ormai, da anni, è inserito nel tessuto sociale del territorio del comune di Fiumicino.

Le immagini fanno entrare in contatto con una realtà positiva che giornali e televisioni spesso sono costretti a trascurare, momenti tipici della routine: una vita quotidiana fatta di lavoro, religione, tempo libero, riti, musica, l’integrazione, la relazioni fra persone.

Un viaggio fotografico per ricostruire idealmente una giornata densa di vita, alla scoperta dei diversi momenti significativi dei protagonisti.

Il progetto è stato realizzato con il contributo della Regione Lazio nell’ambito dell’Avviso concorrenziale per le attività di promozione culturale e animazione territoriale.

La mostra sarà presentata on line il 29 marzo 2021 alle ore 18.00 in diretta sulla pagina face book della Biblioteca al link fb.com/bibliofregene e in diretta sulla pagina facebook di teRRRe fb.facebook.com/ass.terrre/                                                  Successivamente la mostra sarà esposta presso la Biblioteca Pallotta di Fregene Viale della Pineta di Fregene, 140, 00054 Fregene RM.

Alla presentazione parteciperanno:

  • Federica Ricci del Riccio – Direttrice della Biblioteca Pallotta di Fregene
  • Cinzia Bronzatti – presidente Associazione TeRRRe
  • Valentina Fiordalice Fotografa – che illustrerà il percorso delle immagini
  • Navanpreet Kaur, una giovane donna indiana cresciuta nel nostro territorio, dove ha studio e attualmente lavora
  • Sara Taranto Flai CGIL: Lacomunità indiana nel mondo del lavoro e nel sistema del welfare o aspetti problematici della dimensione socio-lavorativa

Presentazione mostra One Day testo

CS Mostra Fotofrafica “One Day – Vita tra i campi, quotidianità della comunità idiana Sikh di Maccarese” 

 

E.S.C. Esperienza di Scuola Condivisa

banner- ESC completo facebook

 

VIDEO REPORTAGE DELLA PRIMA SETTIMANA

poi seguire tutti i giorni del progetto dal 7 al 18 settembre (2020)

al link della nostra pagina

fecebook 

Arriva a Fiumicino il progetto E.S.C.

5-19 settembre 2020

L’outdoor education a supporto dei genitori e bimbi

con il progetto di Esperienza di Scuola Condivisa

 

Si terrà dal 5 al 19  settembre nello spazio di Villa Guglielmi a Fiumicino il progetto di Esperienza di Scuola Condivisa E.S.C. Un progetto sperimentale, dedicato ai bambini dai 6 agli 11 anni, costruito per andare incontro alle esigenze delle famiglie nella Fase 3, promosso e ideato dalla cooperativa sociale Namasterra e realizzato in ATS con l’APS teRRRe Arte Sostenibilità e Cultura, l’ODV Gruppi Archeologici d’Italia, in collaborazione con IPU (Istituto Universitario Progetto Uomo, sede distaccata dell’Università Salesiana), l’I.C. Porto Romano e con il Patrocinio del Comune di Fiumicino.

Finanziato da Lazio Crea nell’ambito del programma “Avviso pubblico per la selezione di progetti sull’Outdoor Education di Enti del Terzo Settore” , l’iniziativa di scuola condivisa propone un percorso di accompagnamento alla ripresa della vita sociale e culturale da parte dei piccoli  in completa simbiosi con la comunità e il territorio. Un progetto che risponde alle esigenze delle famiglie, nel rispetto della sicurezza delle norme anti Covid-19, mettendo al centro il benessere di bambini e ragazzi, in vista anche dell’avvio delle scuole.

E.S.C propone un percorso di apprendimento diffuso, gratuito e all’aria aperta caratterizzato da diverse attività e divise in cicli da 5 giorni. Ogni ciclo esperienziale sarà caratterizzato da una componente didattica, una espressivo relazionale e una ludico creativa. Durante il percorso saranno proposti ai partecipanti attività esplorative, visite guidate a siti archeologici di Fiumicino, passeggiate naturalistiche, laboratori creativi e ludici utilizzando, per questi ultimi anche tecniche derivanti dal teatro delle emozioni. Sono previsti, inoltre, spettacoli teatrali, laboratori per l’osservazione pianeti e l’osservazione Astronomica e laboratori artistici a contatto con la terra e la natura. È, inoltre, previsto l’inserimento di due bambini con DSA diagnosticata per ogni gruppo.

Il progetto di outdoor education arriva grazie ad E.S.C per la prima volta a Fiumicino, mettendo in sinergia diverse realtà locali e rappresenta una innovativa offerta formativa per bimbi e genitori e punta a essere un modello per il territorio rispondendo in modo appropriato ai nuovi bisogni educativi e contribuendo alla crescita di nuove generazioni più equilibrate, serene, curiose, preparate e capaci di apprendere.

“Il progetto, novità importante per la Città  – spiega Barbara Badaracco presidente della cooperativa Nasmaterra capofila E.S.C – mira a fornire strumenti di supporto alla scuola pubblica con l’obiettivo di trasformare la difficile esperienza di lockdown in una opportunità. Fondamentale è, infatti, ripensare la scuola e i suoi spazi, conferendo un ruolo attivo al territorio, alle realtà del Terzo settore competenti e alla Comunità in generale, nell’educazione e formazione dei più giovani”.

 

Ufficio stampa

Info:3395759083

Programma progetto ESC definitivo

TURISMO, RURALITÀ E SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO L’ANALISI DELLE CONFIGURAZIONI TURISTICHE

Per una politica di sviluppo sostenibile del turismo rurale.
Relatori:
Giaime Berti
Giovanni Belletti 
da Accademia EU

Il principio della sostenibilità fa sì che lo sviluppo rurale deve garantire la conservazione delle risorse da cui dipende il processo produttivo, con particolare riferimento a quelle ambientali e culturali. Il rispetto dellambiente naturale e culturale gioca dunque un ruolo cruciale nel processo di sviluppo rurale..

https://www.academia.edu/keypass/SlorNGhOc2dCSk5SdGpBMllXK3RNWVJNcUNYR1RoanVkWE9EYVVuYkl0bz0tLTA0YkFOR1hENStyTG1xUFNXY2xTMEE9PQ==–ee76e11c74aa9210d7e20fe23283939c46e3c64c/t/iXJHq-N3ikSbx-biwk8G/resource/work/2988981/Turismo_ruralit%C3%A0_e_sostenibilit%C3%A0_attraverso_l_analisi_delle_configurazioni_turistiche?email_work_card=minimal-title

UNO SVILUPPO ECONOMICAMENTE E SOCIALMENTE SOSTENIBILE NELL’AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA

L’agricoltura sta diventando una componente del sistema economico locale  con funzioni non solo di produzione di beni alimentari,ma anche di tutela e salvaguardia del territorio, di produzione di servizi(sociali,culturali, ricreativi, turistici), così come del resto previsto dallaPolitica di Sviluppo Rurale adottata in ambito comunitario e attuata in sedenazionale e regionale.
La questione dello sviluppo rurale sostenibile  è oggetto di dibattito scientifico all’interno di diverse aree disciplinari, checomprendono la sociologia, l’antropologia, l’economia agraria, la biologia,la zootecnia, persino l’architettura e la pianificazione territoria le(Basile,Cecchi,2005). Le teorie dello sviluppo rurale
 sono intrecciate conle nuove teorie dello sviluppo sostenibile  che sottolineano i fondamenti sociali dell’agire economico, utilizzando in particolare i concetti di capitale

qui il documento intero

https://urly.it/36y9q

Maria Coppa
Università di Enna Unikore
Department Member
fonte accademia.edu

Pianificazione urbanistica e sostenibilità urbana: il ciclo di gestione dei rifiuti solidi urbani

Per avviare il processo di partecipazione e quindi il coinvolgimento della collettività bisogna conquistarsi la fiducia dei soggetti che non solo sono differenti tra loro, ma diversi sono i ruoli che ognuno di essi ha nella città e nel territorio.Promuovere il processo di partecipazione significa anche assunzione di responsabilità, attivazione di nuove tecniche di dialogo e di scelta coinvolgendo nel processo decisionale gli utenti del territorio.E’ durante il processo di partecipazione che si solleci-ta nei cittadini il diritto-dovere di cittadinanza senza distinzione alcuna. L’esperienza di partecipazione aiuta a crescere, a migliorare la capacità di relazione e da valorizzare la personalità. Insegna altresì a costruire una coscienza collettiva ed a manifestare la propria volontà in un continuo confronto e discutere le scelte in una logica di vantaggio collettivo. Tale processo non può considerarsi esaurito nella fase propositivo-pro-gettuale; occorre che la comunità abbia garanzie dalle Istituzioni e le sia riconosciuta la possibilità di con-trollo nella realizzazione e gestione del progetto a garanzia della realizzazione del progetto condiviso. Naturalmente questo è il passo più difficile da fare per-ché mentre si ha una buona disponibilità da parte delle Amministrazioni ad attivare il processo di partecipa-zione – spesso si rischia che questo diventi uno slogan propagandistico per ottenere maggiore consenso poli-tico – innumerevoli difficoltà di carattere burocratico, per l’organizzazione della macchina amministrativa,mettono in crisi il sistema avviato.Un progetto condiviso non si conclude con la sua ste-sura, ma va continuamente monitorato e verificato nel suo sistema di relazioni con gli aspetti territoriali,ambientali, culturali, sociali, economici, politici, che concorrono alla sua realizzazione. Lo sviluppo soste-nibile e la partecipazione impongono un approccio multidisciplinare.L’avere preso coscienza della rigidità dell’approccio mono disciplinare, che poco si adatta alla complessità del territorio, rende necessario fare convergere sullo stesso tema ci sono più saperi di specialisti provenienti da differenti ambiti disciplinari. Questo che inequivo-cabilmente rappresenta il percorso più corretto, sebbe-ne complesso, è occasione di scambio di metodi e tec-niche, sollecita nuovi percorsi di ricerca, arricchisce il panorama delle conoscenze e la dialettica tra i diffe-renti saperi.In conclusione, occorre mettere in moto strategie diverse che tengano conto del sistema di relazione tra risorse e situazioni locali in un’ottica di riequilibrio sociale ed economico, di tutela e sviluppo del territo-rio, nel recupero dell’identità locale

qui il documento interno https://urly.it/36y9z

di Francesca Arici

Eco-Teatro “Un Nemico del popolo”

Eco-Teatro per il territorio

“Un nemico del Popolo” 

“Eco-Teatro per il territorio” è un progetto che si propone di realizzare sul territorio di Fiumicino, una rappresentazione teatrale gratuita di sensibilizzazione culturale e ambientale, grazie alla messa in scena dello spettacolo “Un nemico del popolo” di Henrik Ibsen.

Si tratta di un dramma appassionato e stringente sull’attualità. L’opera del drammaturgo norvegese scritta a fine ‘800 è, infatti, attuale ancora oggi e raggiunge i principali temi moderni come l’ambiente, il lavoro, il potere, la responsabilità etica.

Lo spettacolo andrà in scena presso la Casa della Partecipazione a Maccarese il 29 novembre 2019 ore 21,00 con il contributo della Fiumicino Tributi.

 

Loc-Teatro-UnNemicoDelPopolo

78380022_1491114454376667_8094512489523314688_o78302831_1491114391043340_4611006520241422336_o
77272088_1491115271043252_8851126701619412992_o78380022_1491114454376667_8094512489523314688_o
72191354_1491115417709904_5428532478220435456_o78907118_1491115197709926_4580752087708598272_o
78843156_1491115094376603_5392924927298895872_o76705200_1491114547709991_5139850503437418496_o
78213738_1491114814376631_7642066418220924928_o

 

Rassegna stampa – evento “Un nemico del popolo” Teatro e Territorio dell’Associazione TeRRRe Arte Sostenibilità Cultura

Il Faro online – https://www.ilfaroonline.it/2019/11/24/maccarese-alla-casa-della-partecipazione-arriva-un-nemico-del-popolo/305466/

Q-Fiumicinohttp://www.qfiumicino.com/maccarese-teatro-con-un-nemico-del-popolo-il-29-novembre/

Fiumicino onlinehttps://www.fiumicino-online.it/focus/teatro-terrre-presenta-un-nemico-del-popolo-di-henrik-ibsen

Controlacrisi http://www.controlacrisi.org/notizia/Conoscenza/2019/11/23/53150-un-nemico-del-popolo-il-dramma-di-ibsen-a-maccarese-il-29/

Fregene Onlinehttp://www.fregeneonline.com/maccarese-teatro-con-un-nemico-del-popolo-il-29-novembre/

Geonews https://it.geosnews.com/p/it/lazio/rm/maccarese-alla-casa-della-partecipazione-arriva-un-nemico-del-popolo_26966369

Ostia Tv

Evento Facebook: https://www.facebook.com/ass.terrre/events/

A TUTTO CAMPO

Pagine da POWER POINT- A TUTTO CAMPO (2)

L’idea progettuale che segue è il frutto della collaborazione sinergicatra l’Azienda Agricola Biotorrimpietra, l’Associazione teRRRe e laCooperativa Sociale NAMASTERRA. L’intervento sarà realizzato in accordo con il Comune di Fiumicino (assessorato alle politiche sociali e le attività produttive), presso l’Azienda Agricola Bio Torrimpietra e in due plessi scolastici del territorio. La proposta concorrerà alla selezione prevista dal bando «Coltiviamo Agricoltura Sociale 2019»

 

 

 

 

COME VOTARE IL PROGETTO 🐮🐣🐥🐓

1) iscriviti: aprendo questo link https://www.coltiviamoagricolturasociale.it/progetti/a-tutto-campo/  dal menù del sito (in alto a destra trovi iscriviti) procedi con la registrazione nome cognome mail ecc.

2) conferma: riceverai una mail da Coltiviamo Agricoltura Sociale conferma  cliccando sul link

3) accedi: dovrai reinserire username e password creati in fase di iscrizione per procedere con la votazione

4) VotaA TUTTO CAMPO” CLICCANDO su 👍

A TUTTO CAMPO rappresenta un modello sperimentale, altamente innovativo per il territorio del Comune di Fiumicino. Il progetto prevede l’attivazione e lo scambio sinergico di competenze tra diversi attori del sociale (servizi sociali, cooperative, aps), istituti scolastici e aziende agricole locali. L’obiettivo è l’attivazione di una rete territoriale per l’utilizzo dell’agricoltura multifunzionale come strumento per l’inclusione sociale e lavorativa, l’educazione
ambientale e alimentare nelle scuole, la valorizzazione delle risorse del territorio. Il progetto prevede l’organizzazione di visite guidate ed eventi aperti ai cittadini all’interno dell’Azienda Agricola Biotorrimpietra.

Anziani + Smart

banner-dell-Aviva-Community-Fund-600x160 (2)

Potete votare il progetto fino al 7 maggio su avivacommunityfund.it registratevi e accedete al nostro progetto al seguente link 👇  https://bit.ly/2UaSkjk

 

Per votare con Facebook:

accedi a questo link https://bit.ly/2UaSkjk ➡nel riquadro a fianco alla foto trovi Accedi e Registrati ➡cliccaci sopra e prosegui accedendo con Facebook ➡ continua e completa la tua registrazione con il consenso alla privacy. Dopo di che assegna tutti e 10 i voti al nostro progetto!

Per votare via mail.

accedi a questo link https://bit.ly/2UaSkjk ➡completa la tua registrazione per il consenso alla privacy ➡conferma l’iscrizione cliccando sul link che ti arriva dal sito di Aviva a quel punto puoi assegnare i 10 punti al progetto.

👇attribuite 10 punti ad ANZIANI+SMART!!!
cartello-vota-il-progetto-dell-aviva-community-fund (1)Solo cosi il nostro progetto potrà essere realizzato sul territorio! Per andare in finale servono servono più voti possibili..

Ringraziamo anticipatamente per il vostro voto

Descrizione del progetto

Ridurre il digital divide, favorire la partecipazione attiva alla vita sociale e comunitaria e offrire strumenti per il supporto alle azioni quotidiane sono gli obiettivi del progetto “Anziani+ smart”. Il progetto propone un servizio di formazione per l’uso dello smartphone: dall’accensione alla navigazione in internet fino all’uso di app e social media. Nel dettaglio saranno forniti gli strumenti per entrare e uscire da internet in modo sicuro, difendersi dalle fake-news, capire come si naviga, come utilizzare le app preferite e come condividere e creare foto e video. I social saranno attenzionati in modo particolare per la loro possibilità di creare comunità e condivisione. Accedere al social networks, rispondere ai messaggi e alle richieste di amicizia delle amiche e degli amici e saper rispondere ad esempio agli inviti a concerti o a eventi del territorio è la chiave per conoscere e apprezzare un nuovo modo di comunicare e fare rete. Imparare a usare al meglio le app di messaggistica permetterà agli “Anziani+smart” di connettersi con amici, parenti e nipoti sentendosi così finalmente a proprio agio e non esclusi dal mondo virtuale.
I social e la messaggistica possono essere un valido aiuto per contrastare la solitudine e l’insorgenza di casi di depressione dovuti al proprio stato di salute. A conferma c’è uno studio dell’università del Michigan e della Pennsylvania, dove emerge che l’uso dei social ha contribuito a sconfiggere l’isolamento sociale e la depressione negli over 65. I soggetti hanno mantenuto i contatti e le interazioni con gli amici e i famigliari soprattutto se distanti. Il progetto intende promuovere la partecipazione attiva alla vita sociale e comunitaria diminuendo proprio quel gap tecnologico che tiene lontani gli anziani dalle tante occasioni di socialità, di informazione e aiuto che si possono creare grazie all’uso dei dispositivi informatici.

Beneficiari del progetto

Nel territorio, nel quale si vuole attuare il progetto “Anziani+Smart”, gli anziani sono una realtà numerosa. Ai dati 2018 su una popolazione di 79.630 abitanti, gli over 65 sono 13.091. Nel 2018 l’indice di vecchiaia per il comune di Fiumicino dice che ci sono 101,6 anziani ogni 100 giovani. Il territorio si estende per oltre 222mila km ed è diviso in quattordici località. Da qui l’esigenza di restare in contatto, anche fra conoscenti, tra i vari territori di appartenenza. I beneficiari diretti sono quindi gli over 65 del Comune di Fiumicino.

Corso di Educazione Civica sui principi fondamentali della Costituzione Italiana

Il corso gratuito è rivolto alla cittadinanza italiana e straniere durante il quale verranno affrontati i dodici principi fondamentali della costituzione italiana sui quali si basa l’ordinamento del nostro stato.

Lo scopo del corso è quello di sensibilizzare i cittadini circa i principi ispirati dell’ordinamento repubblicano.

Gli incontri si terranno ogni martedì a partire dall’11settembre al 22 dicembre presso la Casa della Partecipazione via del Buttero 3 Maccarese per informazioni e partecipazione al corso telefonarea al 3314705096

EducazioneCivica

Insieme per dire no ai rifiuti di Roma a Fiumicino e Cerveteri

LAssociazione teRRRe insieme ad altre 48 realtà tra Associazioni Comitati Proloco e Consulte del territorio di Fiumicino dicono No ai rifiuti di Roma a Fiumicino e Cerveteri.
Lo fanno di concerto con un Manifesto in cui chiedono Al Sindaco della Città Metropolitana, al Delegato all’ambiente dell’area metropolitana, al Consiglio Metropolitano un immediato atto amministrativo che annulli la nota del Servizio 1 – Gestione Rifiuti- avente per oggetto: “Individuazione delle aree idonee alla localizzazione degli impianti di gestione dei rifiuti” con relativa cartografia, inviata ai Comuni dell’Ente di area vasta, e di conseguenza la predisposizione di una nuova cartografia aggiornata e alla Regione Lazio di recepire l’annullamento dello stesso atto.
Chiedono che tutti gli enti territoriali interessati, dalla Regione Lazio alla Città Metropolitano fino ai Comuni di Fiumicino e di Cerveteri agiscano tempestivamente e con la massima trasparenza, mediante atti amministrativi ufficiali affinché questa area sia dichiarata, strategica di interesse primario e pertanto intoccabile.
Il Manifesto delle Associazioni è stato protocollato alla Città metropolitana di Roma Capitale Dipartimento IV Tutela e valorizzazione ambientale Servizio 1 – Gestione Rifiuti – e alla Regione Lazio Direzione regionale Territorio, Urbanistica, Mobilità e Rifiuti.
L’associazione teRRRe sosterà tutte le iniziative di mobilitazione promosse al fine di difen18951240_1414109605351803_269356282429079185_ndere la vocazione agricola del territorio, l’integrità delle aree naturalistiche e archeologiche, un luogo ricco di storia etrusca e romana con insediamenti agricoli di epoca medievale.
L’associazione aderisce alla Manifestazione di sabato 17 giugno 2017 ore 10.00 a Torrimpietra.
Fiumcino, 15 giugno 2017