Get Adobe Flash player

Riserva Naturale

Riserva Naturale Statale del litorale romano

Primo incontro con la Commissione di Riserva e le associazioni ambientaliste impegnati sul territorio della Riserva della Riserva Naturale Statale Litorale

L’associazione teRRRe esprime la propria soddisfazione per l’incontro avvenuto con la Commissione di Riserva della Riserva Naturale Statale Litorale Romano. Abbiamo sempre ribadito la necessità e la opportunità di un percorso di partecipazione e coinvolgimento delle realtà produttive, sociali e culturali che vivono e operano nel territorio della Riserva affinché essa possa essere effettivo patrimonio di tutti.

Il percorso di mobilitazione intrapreso nel 2013 dalla Associazione teRRRe sulla Riserva Naturale Statale del Litorale Romano è stato quello di sollecitare e ottenere le azioni necessarie per attuare la procedura amministrativa di adozione del Piano di Gestione, strumento fondamentale contro lo sfruttamento del territorio e quadro di riferimento essenziale per poter attuare tutte le azioni positive di tutela, fruibilità, produttività, valorizzazione e promozione del territorio protetto. Il percorso è proseguito con la stesura del documento “Riserva naturale statale del litorale romano: difesa, rilancio e partecipazione per un modello di vita sostenibile” presentato il 16 ottobre del 2013  presso la sede del Comune di Fiumicino.

L’incontro indetto dalla Commissione Riserva è avvenuto il 7 ottobre 2016 presso la sede della Società Geografica Italiana a Villa Celimontana. Questo primo appuntamento, finalizzato alla conoscenza delle realtà territoriali e delle problematiche che interessano il territorio della Riserva, rappresenta sicuramente la volontà di favorire un lavoro condiviso, con l’auspicio di risultati concreti e positivi per la tutela e la valorizzazione della Riserva.

Auguriamo alla Presidente Dott.sa Diana Aponte – Ministero Ambiente – ISPRA,  e ai membri della Commissione di Riserva: Maria Maddalena Alessandro – Ministero Beni Culturali, Marco Alberto Bologna – Università  Roma Tre, Luca Bragalli – Regione Lazio, Amedeo Fadda – Città Metropolitana,  Buon lavoro.

Fiumicino 8 ottobre 2016

Associazione di promozione Sociale

teRRRe

Arte Sostenibilità Cultura

AGRICOLTURA SOSTENIBILE. Canapa un mare di possibilità

locandina_Agricoltura Sostenibile1.2Agricoltura sostenibile. Canapa un mare di possibilità.

Perché un mare di possibilità? Perché la Canapa Sativa è una pianta eco-sostenibile che si sviluppa molto rapidamente e non ha bisogno di diserbanti e/o pesticidi,  la sua coltivazione arricchisce il terreno di sostanze nutritive. Un mare di possibilità perché è una pianta che può essere usata in moltissimi campi. Dall’alimentazione alle materie plastiche, dalla bioedilizia ai combustibili, dal cordame ai tessuti; la canapa può essere impiegata in questi e tanti altri settori, con un rendimento molto alto, perché il percorso che vogliamo fare è vicino al mare nel Comune di Fiumicino con una considerevole e consolidata produzione agricola.

Il 5 6 e 7 agosto saremo presenti con uno stend informativo ed espositivo, a Tragliatella durante la 29° Sagra del Pollo Ruspante, all’interno della manifestazione Metropolitana organizzata dal Comune di Fiumicino.

Il progetto finanziato dall’Arsial attraverso l’Avviso pubblico per l’erogazione di agevolazioni finanziarie a sostegno di progetti di promozione dell’agricoltura di qualità nel Lazio (deliberazione n.11 del 14/o4/2016), prevede ad alcuni momenti informativi sulla Canapa Sativa,  per arrivare in autunno ad un seminario di approfondimento.

prodottiespositivimostra11standespositivomostra
prodottiespostivimostra3prodottiespositivmostra
standespositivoprodottiespositivi_n
olio e pasta di farina di canapa

olio e pasta di farina di canapa

olio birra miele

olio birra miele

miele con farina di canapa

miele con farina di canapa

pizza con farina di canapa

pizza con farina di canapa

stand5
domande

domande

prodottiespositivimostraprodottiespositivimostra6
prodottiespositivimostra9prodottiespositivimostra8
prodottiespositivimostra10standespositivo2
prodottiespositivimostra7standespositivo3
striscione
User comments

User comments

Ed ora parliamo un pò di Canapa…

depliant_2.2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA CANAPA SATIVA IN COSMETICA
L’olio di canapa (canapa sativa) presenta una serie di proprietà fondamentali
per l’equilibrio del nostro organismo e può essere usato quotidianamente per
prevenire o attenuare gli effetti di alcune patologie, o per usufruire dei suoi
benefici estetici, relativi all’uso nella cosmesi. Può infatti essere usato nella
forma di olio commestibile, come condimento per alcuni tipi di cibi, oppure sotto forma di olio o crema emolliente e lenitiva per la pelle. Grazie all’alto contenuto di proteine e acidi grassi essenziali, soprattutto omega
3, permette di mantenere un corretto equilibrio cellulare, di alto giovamento per l’organismo. E’ tra gli oli di uso comune quello che presenta un rapporto
ottimale, 1:3, tra acido linoleico- Omega 6 ed acido Linolenico – Omega 3,
mentre gli altri oli presentano una maggiore concentrazione di omega 6. Le
controindicazioni dell’olio di canapa inoltre sono praticamente inesistenti: si
potrebbero riscontrare dei problemi solo nel caso di un massiccio
sovradosaggio del prodotto (sia ad uso interno che esterno), calcolabile in un
uso di svariati litri al giorno, che risulta improbabile nell’uso quotidiano.
Proprietà cosmetiche.
Largamente utilizzato in cosmetica, l’olio di canapa, ricco di acidi grassi insaturi che svolgono una funzione trofica cutanea perchè presentano un elevato potere nutritivo, serve a mantenere la pelle elastica e compatta. Inoltre i grassi caratteristici di tale olio favoriscono una spiccata proprietà emolliente, che permette di proteggere la pelle da facili arrossamenti dovuti al freddo o da irritazioni ed infiammazioni.
Altre proprietà dell’olio di canapa fondamentali per l’utilizzo cosmetico, sono le proteine e le vitamine in esso contenute. In particolare la vitamina b1 e la
vitamina b2, conferiscono morbidezza alla pelle senza però farla risultare
untuosa e proteggono dai radicali liberi, perchè ne limitano il danno cellulare,
proprietà caratteristica anche della vitamina e, presente a sua volta nell’olio di
canapa ed antiossidante naturale. Gli acidi grassi essenziali (omega 3 e omega 6) servono a mantenere integre le membrane cellulari della pelle, pertanto conferiscono all’olio di canapa la proprietà benefica di protezione da screpolature. Pertanto l’olio di canapa viene utilizzato per il confezionamento di una serie di prodotti cosmetici, quali creme e oli per il corpo e prodotti per la cura dei capelli, come shampoo e balsamo, e ancora creme per il viso, maschere e saponi emollienti.
Inoltre uno degli usi migliori dell’olio di canapa per scopi cosmetici è quello
legato ai massaggi, vista la fluidità del prodotto e la sua alta penetrabilità.
Da:benessere360.com

L’USO DELLA CANPA SATIVA IN EDILIZIABloc_de_chanvre_ep_15cm
La canapa impiegata nella realtà edile è già diffusa 1.500 anni fa, ma il prodotto industrializzato nasce in Francia a metà degli anni ’80, per poi diffondersi negli Stati Uniti, Canada e Germania. L’impiego è molteplice, si va da processi di ristrutturazione a realizzazioni ex novo, ma gli “ingredienti” sono sempre gli stessi: canapa e calce. Il mattone di canapa è infatti un biocomposito in canapa-calce con alta capacità isolante termo-acustica, la cui produzione viene effettuata con un procedimento a freddo. Rigidità, leggerezza, resistenza e traspirabilità si combinano a riciclabilità, resistenza al gelo, agli insetti e ai roditori e a proprietà ignifughe, senza bisogno di aggiunte di sostanze tossiche ritardanti di fiamma.

Il biocomposito di canapa e calce può essere impiegato in forma di mattoni, ma anche come intonaco isolante, nella costruzione di muratura massiccia alla stregua di un conglomerato cementizio. Unico limite è la capacità di carico: questo materiale altamente aerato si comprime se impiegato come elemento portante in blocchi compressi. Per questo motivo la soluzione statica più diffusa ne prevede l’uso come riempimento in una struttura di legno a travi e pilastri.

Vantaggi della canapa calce
La canapa calce ha un basso impatto sull’ambiente e assorbe le emissioni di carbonio sono un significativo vantaggio di questo materiale. Durante la fotosintesti, la pianta di canapa assorbe anidride carbonica dall’atmosfera durante il giorno, per restituirci ossigeno. Quando la canapa invece è utilizzata nell’edilizia, le emissioni di cabonio non passano all’interno dell’edificio costruito con mattoni di canapa calce. Quindi l’utilizzo della canapa calce all’interno di un edificio può anche essere migliore di emissioni zero, talvolta viene indicato come carbonio negativo. Ad esempio, un metro cubo di canapa calce può imprigionare 108 kg di CO2.

Un muro di canapa calce di 300 millimetri di profondità fornisce un livello di isolamento termico ben al di sopra degli standard. I muri in canapa calce sono in grado di regolare anche il livello di umidità interna e mitigare gli sbalzi di temperatura esterna, grazie alla capacità igroscopica del materiale, contribuendo alla costruzione di ambienti più sani e in grado di fornire una massa termica efficace. L’involucro edilizio è permeabile al vapore e permette all’umidità interna di fuoriuscire ed eliminare la possibilità di condensa sulle superfici interne.

Anche il processo di produzione è semplificato e più economico, grazie al minor numero di materiali e strati. Ad esempio, in una costruzione standard con telaio in legno di norma esisterà anche uno strato isolante, una barriera contro l’umidità, una membrana traspirante, uno strato di guaina, solo per citarne alcuni. Mentre invece la canapa calce assurge già da sola a tutte queste funzioni.

Proprietà
BENESSERE ABITATIVO
ISOLAMENTO ACUSTICO
ISOLAMENTO TERMICO
DURABILITÀ
MATERIE PRIME INESAURIBILI
TRASPIRABILITÀ
ESTETICA
RICICLO
RESISTENZA ALL’INCENDIO
ECOLOGIA
SALUBRITÀ
Da: casa della canapa

 

PARLIAMO DI OLIO DI CANPA SATIVA

Il maggiore contributo alla salute dei semi di canapa è dato dall’Olio di Semi di Canapa per il suo alto contenuto di acidi grassi polinsaturi verdesativa-dalla-canapa-un-prezioso-aiuto-pe-L-5fRfrp(EFA – Essential Fatty Acids) e per la proporzione in essi contenuti di Omega 3 ed Omega 6. Gli EFA, che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare, devono essere assunti attraverso la dieta in quantità sufficienti per lo svolgimento di funzioni metaboliche indispensabili, consentendo la sintesi di molecole che intervengono positivamente nei processi infiammatori e nel dolore post trauma.

olio di canapaL’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda l’assunzione di Omega 6 ed Omega 3 in rapporto di 3:1 a 5:1. L’Olio di Semi di Canapa, contiene naturalmente Omega 6 ed Omega 3 nel rapporto ottimale di 3:1 e la sua assunzione non ha controindicazioni.

La fonte più nota di questi due acidi grassi è l’Olio di Pesce, ma a differenza dell’Olio di Canapa, quello di Pesce viene estratto chimicamente e può contenere sostanze contaminanti (mercurio, idrocarburi, metalli pesanti), ha un gusto forte e sgradevole e per la sua produzione in larga scala alcune specie ittiche rischiano l’estinzione.
L’Olio di semi di Canapa viene estratto a freddo, per semplice pressione, ha un odore gradevole e un sapore di nocciola, può essere disponibile in grandi quantità semplicemente aumentando le superfici coltivate.

L’impiego dell’Olio di Semi di Canapa si sta diffondendo sia come integratore alimentare che ad uso terapeutico nel trattamento di patologie come: malattie dell’apparato respiratorio (asma, rinite, sinusite, otite e allergie repiratorie); artrosi; eczema atopico; herpes; dermatiti; acne; malattie del sistema immunitario; epilessia; artrite reumatoide; sindrome premestruale. Viene usato anche nel trattamento dei sintomi della chemioterapia, nella terapia anti anti-aids e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

L’assunzione regolare di Olio di Semi di Canapa infatti riduce i livelli ematici di colesterolo non HDL e quelli dei trigliceridi, diminuisce il livello di aggregazione piastrinica, e cardioprotettiva dopo un danno al miocardio.

Food Sativa

Proposta di legge-213canapasativaregionelazio

FITODEPURARE CON LA CANAPA 

Disegno di legge 2144-parlamento

ATTUAZIONE DI UN PIANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELL’OLEODOTTO CIVITAVECCHIA – FIUMICINO.

Comunicato Stampa del 17/0272015

DIFENDIAMO IL NOSTRO TERRITORIO: IMPROCRASTINABILE LA STESURA  E L’ATTUAZIONE DI UN PIANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELL’OLEODOTTO CIVITAVECCHIA-FIUMICINO.Kerosene in mare a Palidoro (2)

L’Associazione teRRRe  Arte Sostenibilità Cultura da anni attiva nel territorio con iniziative volte alla valorizzazione dell’ambiente nel rispetto della sostenibilità, alla luce dell’ultimo evento di sversamento di Kerosene, dalla condotta di proprietà della Società Raffineria di Roma verificatosi in via de Lago di Traiano nel Comune di Fiumicino e dopo quello avvenuto a Maccarese di maggiore entità, ritiene non più procrastinabile le stesura e l’attuazione di un piano per la messa in sicurezza dell’oleodotto.

Ricordiamo che l’oleodotto attraversa un’area particolarmente sensibile dal punto di vista ambientale, la Riserva naturale Statale del Litorale Romano che rischia di essere irrimediabilmente alterata e compromessa, recando danno all’intero territorio di Fiumicino.

Riteniamo che tutti gli Enti Pubblici e Società Private coinvolte nella gestione dell’oleodotto debbano avviare un confronto aperto alla partecipazione della cittadinanza che preveda quantomeno la possibilità di monitoraggio dell’avanzamento dei lavori da parte di un comitato locale.

Appoggiamo, infine,  l’iniziativa dell’Amministrazione comunale di Fiumicino relativa alla diffida presentata  nei confronti della la società Raffineria di Roma affinché realizzi al più presto tutte le azioni necessarie alla messa in sicurezza dell’oleodotto.

Associazione di promozione sociale

teRRRe Arte Sostenibilità Cultura

  www.terrre.it

 info@terrre.it

fb: teRRRe Arte Sostenibilità Cultura

 Info – 3314705096

 

RISERVA NATURALE STATALE DEL LITORALE ROMANO: Avvio della procedura Amministrativa per l’adozione del Piano di Gestione

Comunicato stampa del 17/02/2015

AVVIO DELLA PROCEDURA AMMINISTRATIVA PER L’ADOZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DELLA RISERVA NATURALE STATALE DEL LITORALE ROMANO.

Il percorso di mobilitazione intrapreso dal 2013 dalla Associazione teRRRe sulla Riserva Naturale Statale del Litorale Romano ha raggiunto il primo obbiettivo, quello di sollecitare e ottenere le azioni necessarie per attuare la procedura amministrativa di adozione del Piano di Gestione, strumento fondamentale contro lo sfruttamento del territorio e quadro di riferimento essenziale per poter attuare tutte le azioni positive di tutela, fruibilità, produttività, valorizzazione e promozione del territorio protetto..

L’avvio dell’iter deriva dall’impegno e dalla costanza che ha avuto la Associazione teRRRe  nei confronti della Riserva a partire dal  lancio di una iniziativa svolta nel 2013 all’interno della quale si è aperto il convegno ”Vivi la Riserva”, organizzato anche con altre realtà territoriali. Il percorso è proseguito con la stesura del documento “Riserva naturale statale del litorale romano: difesa, rilancio e partecipazione per un modello di vita sostenibile” presentato nella conferenza stampa del 16 ottobre 2013. Successivamente, l’invio di una lettera di sollecito per l’avvio della procedura del Piano della Riserva al Presidente Zingaretti e all’Assessore Refrigeri, dopo lo sversamento di cherosene avvenuto a novembre 2014 a Maccarese proprio nel territorio della Riserva, hanno portato i risultati auspicati da sempre dalla nostra Associazione.

Tutto ciò, grazie in particolare all’Assessore del Comune di Fiumicino Di Genesio Pagliuca e al suo staff, che con impegno hanno mantenuto la promessa dichiarata durante la conferenza stampa di presentazione del nostro documento il 16 ottobre 2013. “Dobbiamo creare le premesse affinché la Riserva diventi una risorsa per tutto il territorio”.

Diamo inoltre riconoscimento alla  Regione Lazio che ha individuato per il Piano di Gestione della Riserva un commissario ad acta assolutamente competente nella persona del dott. Vito Consoli Direttore della Agenzia Regionale Parchi, al quale auguriamo buon lavoro.

Auspichiamo ora che entro l’anno, come promesso, si possa avere il Piano di Gestione della Riserva con il relativo iter burocratico assolto o quantomeno avviato, con redazione e approvazione del regolamento da parte del Ministero dell’Ambiente e delibera di Consiglio Regionale e sua pubblicazione sul BURL.

Richiamiamo infine la necessità e la opportunità che la elaborazione del Piano di Gestione sia realizzata attraverso il coinvolgimento e la partecipazione delle realtà produttive, sociali e cultuali che vivono e operano nel territorio della Riserva, affinchè essa possa essere effettivo patrimonio di tutti!

Associazione di promozione sociale

teRRRe Arte Sostenibilità Cultura

  www.terrre.it

 info@terrre.it

fb: teRRRe Arte Sostenibilità Cultura

 Info – 3314705096

Documento Riserva Naturale Statale: Difesa Rilancio Partecipazione, per un modello di vita sostenibile

 

 Documento presentato alla conferenza Stampa del 16 ottobre 2013

 

Il Documento, nel considerare la storia della Riserva Naturale Statale del Litorale, si propone di indicare obiettivi, strategie e interventi che permettano di agire concretamente nel territorio, superando l’attuale situazione di stallo; tutto ciò, per promuovere una nuova vitalità sociale ed economica dell’area a partire dalla sua tutela, al fine di realizzare una promozione integrata delle attività economiche e produttive.

Questo Documento si rivolge pertanto, per i rispettivi ambiti, a tutti coloro i quali hanno responsabilità politiche e amministrative (Ministero dell’Ambiente, Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, Regione Lazio, Comuni di Roma e di Fiumicino, Commissione di Riserva, Conferenza Stato-Regioni, Provincia di Roma).

 

 

Il Documento – Riserva del Litorale Difesa, Rilancio e Partecipazione per un modello di vita sostenibile

 

Approfondimento Agricoltura

 

 

Documenti della cartellina

1.  DECRETO 29 marzo 1996 istitutivo della Riserva Naturale Statale del Litorale Romano

2. Tar Lazio litorale romano 12651 2009

3.Tar Lazio 3764 2009 riserva del litorale

4. Conferenza Unificata Riperimetrazione

 

 

Comunicati Stampa:

CS – TeRRRe 16 ott. 2103

CS – Comune Fiumcino

Rettifica in merito alle richieste di Italia Nostra Roma

Articoli

http://www.fiumicino-online.it/articoli/cronaca/presentato-il-documento-riserva-naturale-statale-del-litorale-romano.html

http://www.scoopsquare.com/post/it/2013/10/16/20/974348-presentato-il-documento-ldquoriserva-naturale-statale-del-litorale-romano.html

http://www.ilfaroonline.it/2013/10/17/fiumicino/riqualificazione-della-riserva-del-litorale-romano-presentato-il-documento-40629.html

http://www.maccaresestazione.com/category/fiumicino/

http://www.mnews.it/2013/10/regioni-gli-avvenimenti-di-oggi-16.html

http://www.parolibero.it/cronaca-mnu-sidebar/2551-4-mosse-1-per-far-rivivere-la-riserva-naturale-del-litorale-romano-16-10-13-donati.html

http://www.ostiatv.it/fiumicino-presentato-documento-riserva-difesa-rilancio-partecipazione-0058141.html

http://www.fregeneonline.com/Altre-Notizie/riserva-presentato-documento.html

http://www.romacapitalemagazine.it/lazio/fiumicino-presentato-il-documento-riserva-naturale-statale-del-litorale-romano

http://www.keygo.it/Edilizia/conferenza-stampa-riserva-naturale-statale-litorale-romano.html

http://campagnano-rap.blogspot.it/

http://www.occhioche.it/news.php?nid=6425

http://www.qfiumicino.com/index.php?option=com_k2&view=item&id=2199:un-documento-per-la-riserva&Itemid=342

http://www.alternativasostenibile.it/eventi.html

Risposta Comune di Fiumicino

http://www.maccaresestazione.com/riserva-in-prima-linea-per-la-valorizzazione/

http://www.lavocedellazio.it/attualita/5155-fiumicino–riserva-naturale-del-litorale-romano-amministrazione-in-prima-linea-.html

http://www.fregeneonline.com/Altre-Notizie/comune-in-prima-linea-per-riserva.html

http://www.iltabloid.it/post/8157/fiumicino_-_riserva_litorale_amministrazione_in_prima_linea_per_valorizzazione.html

http://www.fiumicino-online.it/articoli/cronaca/riserva-litorale-lamministrazione-in-prima-linea-per-la-valorizzazione.html

http://www.terzobinario.it/riserva-naturale-amministrazione-in-prima-linea-per-la-valorizzazione/22893

 

CS – FIUMCINO 16-10-2013

Fiumicino: presentato il documento “Riserva naturale statale del Litorale Romano: Difesa, Rilancio e Partecipazione per un modello di vita sostenibile”

“La Riserva Naturale Statale del Litorale Romano che insiste sul territorio di Fiumicino deve diventare al più presto realtà”. Continua a leggere

Vivi la Riserva

La Riserva Naturale Statale del Litorale Romano, istituita con decreto ministeriale il 29 marzo 1996, estesa per 15.900 ettari, racchiude un’area di grande valore ambientale, paesaggistico, culturale, storico-archeologico, sociale, produttivo.

A trent’anni dall’idea di un Parco del Litorale, concepita da Antonio Cederna, allora presidente della sezione romana di Italia Nostra, dal WWF e dal altre Associazioni Ambientaliste, e da uno studio dell’Ufficio Tevere e Litorale del Comune di Roma, i territori formalmente protetti continuano ad essere interessati dalle stesse minacce (cementificazione, privatizzazione, inquinamento, degrado) che allora motivarono la mobilitazione per la creazione della Riserva, mentre l’istanza già contenuta nei documenti dei primi anni Ottanta di una promozione integrata delle attività economiche e produttive non è mai stata realizzata. Rimane incompresa e rinnegata la vera ricchezza di questa terra e del suo mare, trascurata e stravolta l’identità dei luoghi e della loro compagine sociale.

 

 

 

 

 

Intervista per Cornetto e Cappuccino di Erica Antonelli

 

 

COMUNICATO STAMPA DEL 20 APRILE

COMUNICATO STAMPA CONVEGNO  DEL 19 pdf

COMUNICATO STAMPA GENERALE VIVI LA RISERVA

 

—————————————————————————————————————

Le aziende Agricole che intendo partecipare al mercato possono rivolgersi ai numeri di telefono contenute nel regolmanto

REGOLAMENTO PER I PRODUTTORI DI CHE PARTECIPANO ALL’EVENTO DI “VIVI LA RISERVA

Elenco delle Aziende agricole che parteciperanno al mercato della riserva:

AZIENDA AGRICOLA MARCO PAPI (MACCARESE)
ASS.NE IL BUGNO VILLICO (APICOLTORI)
AZIENDA AGRICOLA CARAMADRE (MACCARESE)
AZIENDA AGRICOLA RENZI E CAMURRI (MACCARESE-FIUMIICNO)
AZIENDA AGRICOLA MARIOTTI (PONTE GALERIA)
AZIENDA AGRICOLA ALESSIO MARZIALETTI (TRAGLIATELLA)
AZIENDA AGRICOLA EVOLIO (OSTIA ANTICA)
AZIENDA AGRICOLA AUGUSTO VALENTINI (MACCARESE)
APICOLTURA ZORZI (MACCARESE)
CANTINA CASTELLO DI TORRE IN PIETRA (TORRIMPIETRA)
FATTORIA VERDE (PALIDORO)
MICROBIRRIFICIO ARTIGIANALE BIRRADAMARE (FIUMICINO)
 











http://ericantonelli.info/2013/04/17/vivi-la-riserva-2013/

 

ATTO DI IMPEGNA PER LA TUTELA DEL TERRITORIO

 

ATTO DI IMPEGNO PER LA TUTELA DEL TERRITORIO

 

Il nostro Comune è formato da quindici paesi, medi e piccoli, sparsi su una superficie di oltre200 chilometriquadrati, che presentano una realtà ambientale molto differenziata: piccoli centri rurali immersi nella campagna, centri turistici costieri e centri urbani di maggiore entità, un grande aeroporto.

Questo territorio è la “casa comune” di una popolazione in continua crescita, attualmente di oltre 72.000 persone (che d’estate salgono a 150.000) e costituisce uno degli ultimi polmoni verdi della provincia di Roma..

Un territorio che costituisce un patrimonio naturale, storico, culturale ed archeologico di estrema ricchezza, con 138 kmq  occupati da attività agricole. Un paesaggio rurale di elevato valore, che potenzialmente potrebbe sperimentare un nuovo  sistema agricolo, promuovendo una funzione ambientale e turistica integrandola in un progetto di alta valenza economica ed innovativa con il concetto della multifunzionalità che tenga conto della sostenibilità, della qualità, della sicurezza alimentare, del benessere della collettività e delle opportunità occupazionali dell’area. Sino ad ora questo territorio è riuscito a conservare almeno in parte le sue prerogative originali, nonostante da anni sia sottoposto ad una miriade di interventi che determinano solo consumo di suolo e aumento dell’inquinamento.

La Riserva del Litorale è un bene collettivo che non può essere divorato dalla realizzazione del raddoppio dell’aeroporto e di impianti industriali, in virtù d’interessi privati. Le ricadute di questa ipotizzata trasformazione su tutti noi sarebbero incalcolabili. Stiamo assistendo al proliferare di una miriade di  opere, già attivate/o in fase progettuale, che sono o dovrebbero essere localizzate nel nostro territorio o nelle sue vicinanze e che hanno un impatto molto pericoloso per la salute dei cittadini.  In progetto, oltre al raddoppio dell’aeroporto, ci sono le nuove le centrali a biogas a Maccarese e la probabile discarica a Monti dell’Ortaccio; mentre già oggi fanno sentire i loro effetti negativi: l’attuale aeroporto intercontinentale “Leonardo da Vinci”, le centrali a biogas a Maccarese già esistenti, le centrali termoelettriche a metano, i depositi carburanti, la vicina Valle Galeria con la nota discarica, il gassificatore, la raffineria e i suoi sette camini di emissione, l’inceneritore di rifiuti ospedalieri, gli elettrodotti, le piste degli aerei.

Tutto questo ha già avvelenato l’aria che respiriamo collocando il nostro Comune, quello di Cerveteri e di Civitavecchia in base al Piano di Riqualificazione Ambientale della Regione Lazio del 2010, in zona B,  ossia Comune in cui si è verificato il superamento del limite massimo previsto dalla legge per almeno un inquinante.I pochi dati noti sulla qualità dell’aria svelano una situazione preoccupante, coperta finora dalla mancanza di monitoraggi costanti.

Riteniamo necessario unire le nostre forze  per salvaguardare la qualità della nostra vita e della nostra salute come obiettivo primario e per questo ci impegniamo ad assumere iniziative comuni tese a:

  1. richiedere      ed ottenere un monitoraggio continuo ed esteso a tutto il territorio      comunale dei livelli di inquinamento ambientale;
  2. contrastare      l’insediamento di nuovi impianti      inquinanti (discariche, centrali a bio gas, nuovi aeroporti, ecc.) tanto      più in assenza di dati rigorosi e puntuali;
  3. sollecitare      l’aggiornamento della classificazione in zone del territorio comunale      sull’inquinamento acustico.
  4. Contrastare ogni tentativo di deperimetrazione e      declassificazione della riserva
  5. Chiedere l’attivazione della Consulta così come      previsto dallo Statuto Comunale al fine di rendere effettivo il controllo      e la tutela del territorio
  6. Far approvare il regolamento di gestione della      riserva
  7. Salvaguardare l’agricoltura come sistema      produttivo finalizzato alla tutela del territorio e dell’ambiente.

 

Promotori dell’Atto:

Comitato Rifiuti Zero Fiumicino, Comitato Fuori Pista, Associazione TeRRRe, Comitato spontaneo per la tutela del Villaggio dei pescatori , CRZ Passoscuro R-esiste

Adesioni:

  • Nuovo Comitato Cittadino Focene
  • Fiumicino Resiste
  • Comitato Patto per Torrimpietra
  • Gruppo Dolce Spiaggia di Passoscuro
  • Ass.ne Crescere Insieme di Aranova
  • Comitato Cittadino di Granaretto

 

Per la tutela e la riqualificazione della Riserva del Litorale Romano, questo è il titolo che abbiamo dato all’inizitiva del 15 gennaio 2013 una diretta Rai per Buongiorno Regione alla quale abbiamo partecipato insieme ai Comitati Locali ai bambini/e ragazzi/e della scuola  di Passoscuro che ormai da due anni sono impegnati nella pulizia delle Dune di Palidoro Passoscuroall’interno della Riserva e  i cittadini/e  perche insieme vogliamo proteggere, valorizzare e preservare questo luogo di rilevante intersse naturalistico.  Continua a leggere